Biografia

Floriana Gerosa nasce a Milano dove riceve una formazione di tipo umanistico. Si diploma successivamente in Grafica Pubblicitaria a Firenze presso l’Accademia Cappiello ed esercita la professione per qualche tempo, collaborando come freelance con studi pubblicitari di Livorno. Nel 1995 l’incontro con la scultrice Anselma Ferrari, a Milano, segna l’inizio della sua vita artistica: con la Ferrari sperimenta ed impara ad esprimersi attraverso la scultura, linguaggio che risulterà esserle il più congeniale. In seguito, a Carrara, con lo scultore Nicola De Silvestri affina ulteriormente la tecnica della scultura realizzando nel suo studio anche il progetto di un’opera destinata ad un ambiente urbano. Inizia anche a frequentare, a Livorno, l’Atelier delle Arti, diretto dal Maestro Luca Bellandi. Con lui perfeziona il disegno e si confronta anche nella pittura: è proprio il Maestro che la incoraggia e le dà la forza di mettersi in gioco e proporsi al pubblico. Partecipa a diverse mostre collettive e personali di pittura e scultura (Livorno, Certaldo, Venezia, Barcellona). Nel 2003 fonda, insieme a Simonetta Filippi ed Elena Nutini, il gruppo artistico “Permanente continua”, che si presenta in varie uscite a Livorno e Certaldo. Appassionata di scrittura e poesia, segue corsi di perfezionamento principalmente presso l’Associazione Griselda di Certaldo, presieduta da Sandra Landi. Nel 2007 una sua scultura viene scelta dal Comune di Livorno per un manifesto in occasione della Giornata Internazionale contro la violenza alle donne . Nel 2008 ottiene il primo premio nella sezione Arti Plastiche al concorso “ Arte Donna “ indetto dalla provincia di Livorno con la scultura “ Donna con ghirlanda di rose “. L’anno successivo un suo quadro viene utilizzato dal Comune di Livorno per il manifesto dell’8 Marzo, giornata internazionale della Donna, una sua poesia è pubblicata nel libro “ Luna e l’altro “ della Morgana Edizioni in occasione del decennale dell’Associazione Griselda e una sua scultura viene esposta alla Mostra d’Arte Contemporanea presso il Palazzo Pretorio a Certaldo. Alla fine del 2009 espone le sue sculture presso l’Associazione Culturale “ Arti Evasive “ a Livorno nella sua mostra dal titolo “ E’ Luna “. A Febbraio 2010 partecipa al progetto di riqualificazione del Centro storico di Livorno con la proposta di collocare una sua scultura in una piazza della città. Nel Maggio 2010 illustra con le sue sculture i racconti sugli animali, tratti dal libro di Simonetta Filippi “ Sirena Spiegata “ ed una sua scultura dal titolo “ L’io divisa “ è selezionata al concorso nazionale “ La Spadarina 2010 “ dal tema “ Nel cassetto dei ricordi “, dove ha ricevuto una segnalazione speciale da parte della critica. Nel 2011 prende parte alla Mostra Internazionale presso la Galleria Wikiarte a Bologna e partecipa in seguito con una sua scultura “ Nudo di donna “ al Concorso Internazionale” La Spadarina 2011” dal titolo “ Lo spirito e la materia” . Dal 24 Giugno al 6 Luglio Mostra personale presso lo showroom “ Mani Mani “ a Pisa . Simposio Internazionale di scultura Calcinaia (PI). Simposio di scultura a Ponsacco (PI).

In ottobre nella Torre degli Upezzinghi a Calcinaia mostra personale “ E’ luna “ insieme all’artista Simonetta Filippi e in Novembre alcune sue sculture sono esposte nella mostra d’arte contemporanea “ Lentamente “ presso Merlino Bottega d’Arte a Firenze. In Dicembre una sua scultura viene collocata nei giardini del Santuario di Montenero nell’ambito della manifestazione “Natività nell’Arte“ . In Gennaio 2012 è presente a Pietrasanta con tre sculture alla mostra “ Fragili Bellezze “presso il Palazzo Panichi e a Bologna alla mostra “ Expo Bologna 2012 “ presso la galleria Wiki Arte. In Novembre mostra di scultura e installazioni “ La Stanza dell’Arcano “ a Fauglia (PI) con la scultrice Elena Roncoli. A Dicembre a Milano presso la Galleria N.O.A. è presente alla mostra “ Progetto Artistar “ con due sculture e presso il Santuario di Montenero (LI) mostra Arte Sacra . In Febbraio 2013 a Pietrasanta mostra “ Fragili Bellezze 2 “, in Maggio a Firenze presso il Chiostro di Villa Vogel mostra itinerante  La Stanza dell’Arcano “ con la scultrice Elena Roncoli e in Giugno a Viareggio mostra collettiva di scultura e pittura “ Mare nostrum “ presso Villa Paolina. In Luglio presso Villa Bondi a Marina di Pisa partecipa alla mostra internazionale “Vanity Unfair“. Maggio 2014 rassegna d’arte contemporanea presso Palazzo Mediceo a Seravezza e a Ottobre è presente alla Terza Edizione di “Fragili Bellezze“ a Pietrasanta nel Palazzo Panichi .Gennaio 2015 collettiva “Iniziarte 2015“ a Pietrasanta, in Marzo in occasione della Giornata Internazionale della Donna collettiva alla Galleria Europa a Lido di Camaiore e in Luglio collettiva “ Materia, colore e sogno “ presso Villa Argentina a Viareggio . Febbraio 2016 collettiva “Il teatro, la farsa e la maschera “ presso la Galleria Europa a Lido di Camaiore, in Maggio Mostra Pro Biennale 2016 a Venezia, in Giugno doppia personale dal titolo “ Contaminazioni. Dal rosso al blu “ presso i giardini della Versilia a Pietrasanta, ad Agosto collettiva d’arte contemporanea “ Finzioni “ presso la Galleria Factory 291 a Viareggio. Marzo 2017 mostra collettiva “ Visioni Labroniche e Jazz “ presso il foyer del Teatro Goldoni Livorno. Mostra collettiva presso la galleria “ Intrecci d’ Arte “ a Pietrasanta, Agosto 2017 mostra personale “ Sculture sulla sabbia “ presso BVE a Calambrone (PI) e successivamente mostra personale dal titolo “ Lo Straniero “ presso lo Winebar “Sketch“ Livorno. Ottobre 2018 Simposio di scultura Ponsacco (PI) , Mostra Internazionale Art Shopping presso il Salone d’Arte Contemporanea al Carrousel du Louvre a Parigi.Doppia personale con l’artista Isabella Staino “Riparazione e sostituzione marmitte“ Livorno. Mostra collettiva “Donne in Campo“ presso il Club del Golf Livorno. Giugno 2019 mostra collettiva “Arte di Mare“ presso lo spazio artistico “Bororo“ Livorno.

Critica di Antonio Vinciguerra dedicata alle opere di Floriana Gerosa:

“La scultura ha una qualità MAGICA, che è percezione tattile e spaziale nella quale forma, luce e colore interagiscono in innumerevoli variazioni“, ci ricorda con somma perizia lo storico H. HOBBARD. Misura e coerenza a quanto sopra citato ritrovo nell’opera della scultrice Floriana Gerosa. A mio avviso, la prerogativa che la distingue è l’essenzialità, dote che le permette di restituire con disarmante semplicità figure che esprimono sogni poetici scaturiti dall’alveo di un fine raggelamento metafisico. I personaggi interpretati dall’artista possono apparire sculture “ NON ECLATANTI “, ma ad una più attenta analisi, rivelano sottili scansioni e un sia pur lieve fugace movimento. Tema UTOPICO è quello dell’ombra, elemento impalpabile misterioso, segno distintivo di De Chirico, quanto di Floriana che lo traduce e oggettiva magicamente in reali e solide forme. Inoltre, la dialettica che pone “ SUL PIENO E SUL VUOTO ” è sempre da lei risolta in termini di analisi formale, di abito morale e grande resa poetica.